ChiesaBattistaBari

Vai ai contenuti

Menu principale:

           TUTTO PER LA LITURGIA

Questo manuale vuole essere uno strumento pratico, in mano a pastori e pastore, animatori liturgici e animatrici liturgiche, predicatori e predicatrici, orientato ad agevolare la preparazione delle liturgie per il culto ordinario. Esso, infatti, fornisce tutto il materiale necessario per realizzare delle liturgie, economizzando i tempi di lavoro.


Prezzo: 5 euro


Per ricevere informazioni sull'acquisto, contattare direttamente l'autore:

ruggiero.lattanzio@ucebi.it

cell. 329 79 55 630



Cristo, nuova possibilità di vita


1 Tessalonicesi 5:9 Dio infatti non ci ha destinati a ira, ma ad ottenere salvezza per mezzo del nostro Signore Gesù Cristo.


L'ira di Dio non è un furore violento, come potrebbe esserlo quella umana, ma esprime l'indignazione di Dio di fronte al peccato e all'empietà umana. Più che un'emozione furibonda, l'ira divina indica la disapprovazione, da parte del Signore, della corruzione e dell'ingiustizia di questo mondo. Dio, essendo santo e giusto, si dissocia da una umanità corrotta e ingiusta. L'intero genere umano, essendo intricato in un sistema sociale corrotto e ingiusto, è sotto l'ira di Dio o, detto in altri termini, questa umanità, a causa della sua ribellione, ha rotto la propria amicizia con Dio estraniandosi da Lui. Come è scritto nel libro del profeta Isaia, "le vostre iniquità vi hanno separato dal vostro Dio; i vostri peccati gli hanno fatto nascondere la faccia da voi" (Is 59:2). A causa della nostra iniquità umana, siamo sotto l'ira di Dio perché Egli, nella sua perfetta santità, rimane indignato di fronte al nostro peccato e nasconde la sua faccia da noi.
Dio, però, oltre a essere santo e giusto, è anche buono e misericordioso e il suo scopo finale non è quello di destinarci a ira, ma è quello di salvarci dalla nostra condizione di peccato al fine di ristabilire un rapporto di amicizia con noi. Egli, così, ha stabilito il suo piano di salvezza per mezzo di Gesù Cristo, l'unico giusto in grado di essere nel contempo amico di Dio e "amico dei pubblicani e dei peccatori" (Mt 11:19). Dio in Cristo ci ha manifestato il suo volto misericordioso, aprendoci la strada per essere riconciliati con Lui. La persona di Gesù, infatti, è stata messa a morte da questa umanità corrotta e ingiusta, che non tollerava  di essere smascherata dall'unico giusto, ma Dio lo ha risuscitato dalla morte, vincendo il potere distruttivo dell'ingiustizia umana e aprendo a tutti coloro che confessano la loro condizione di peccato la possibilità di ristabilire un rapporto di amicizia con Lui.
Vogliamo ogni giorno aderire a questa nuova possibilità di vita che Dio ci ha aperto in Cristo, coltivando la nostra amicizia con Lui e ringraziandolo per questo dono meraviglioso e immeritato.

                                                                     Past. Ruggiero Lattanzio

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu